Informazioni generali su Benidorm

Benidorm

Benidorm è una cittadina spagnola di circa 60 mila abitanti, e fa parte della comunità valenciana, essendo posta tra le città di Valencia e Alicante, circa a 45 chilometri a nordest di quest’ultima. Benidorm è una delle più importanti località balneari della Costa Blanca, ed è la cittadina turistica meglio attrezzata del Mediterraneo. In origine era un piccolo villaggio di pescatori; nei primi anni Cinquanta iniziò a trasformarsi, esplodendo a partire dagli anni Ottanta e Novanta, nella località che richiama ogni anno ben cinque milioni di visitatori provenienti da tutta Europa. Oggi la città ha conservato l’antico centro storico, il piccolo Casco Antiguo, ma il panorama urbano è dominato dalla presenza di numerosi grattacieli a ridosso delle spiagge, oltre che da molteplici alberghi, alcuni dei quali raggiungono notevoli altezze e dominano il paesaggio per le miglia circostanti.

Trovandosi circondata da montagne alte oltre 1500 metri, Benidorm gode di un ambiente climatico favorevole, protetto dalle correnti fredde del nord, cosicché il clima è sempre mite e le temperature gradevoli. Il periodo migliore per visitarla è compreso tra Maggio e Ottobre, quando il tempo è soleggiato per la maggior parte della stagione; d’estate, specie in Agosto, le temperature possono crescere fino a 40°. Nei mesi invernali la temperatura scende difficilmente sotto i 19-20°; questo rende la cittadina un luogo ideale, non solo per il periodo estivo. Tuttavia è d’estate che si ritrova il maggior affollamento di turisti, attirati dalla fama di cui gode Benidorm in fatto di divertimenti e svaghi, soprattutto notturni. Grazie alla presenza di più di mille ristoranti e non meno di trenta discoteche, oltre che di una capiente possibilità di sistemazione notturna, a Benidorm la movida spagnola è rappresentata in una delle sue massime espressioni. La vita notturna della cittadina è leggendaria e si adatta a una clientela di tutti i tipi: night clubs, pub, Cabaret bar, ristoranti, tapas bar, discoteche aperte fino a notte fonda, casinò, contribuiscono ad animare le vie della folleggiante località turistica.

Lo svago diurno è assicurato dalla presenza delle spiagge, dove si possono praticare moltissimi sport acquatici, le più famose e frequentate delle quali  sono due: quella de Levante e quella de Poniente,che si estendono per circa 5 chilometri, separate da un’ampia lingua di terra, il promontorio del castell, dietro il quale sopravvive il vecchio borgo marinaro. La prima si contraddistingue per l’ampia offerta di servizi che garantisce ed è la più gettonata dagli stranieri, la seconda offre la possibilità di una lunga passeggiata sul lungomare, all’ombra di alte palme, e gode di una sabbia finissima, oltre che di un insieme di rocce ideali per la pesca. A ciò bisogna aggiungere che il mare di Benidorm è pulitissimo, tanto da meritare la bandierina blu da parte delle organizzazioni ambientaliste che premiano ogni anno la  limpidezza delle sue acque. Negli ultimi anni Benidorm ha subito un grande cambiamento, che l’ha portata dalla cittadina sinonimo di alcoolismo e villania quale era nei primi anni Ottanta, quando le sua attrattive principali erano identificate esclusivamente con night club, sesso e pub “inglesi”, alla meta di vacanzieri anche in età avanzata, provenienti in gran parte dal nord della Spagna e meno dall’Inghilterra. Simbolo di questo cambiamento è l’enorme parco pubblico e auditorium all’aperto, utilizzato per ospitare eventi culturali, il Parque de l’Aigϋera.

Un altro parco, che si trova sulla lingua di terra che separa le spiagge di Poniente e Levante, è il Balcòn del Mediterràneo, che termina con una grandiosa fontana e che regala uno splendido panorama di Benidorm intera. Poco lontano dalla terraferma si trova l’Illa de Benidorm, facilmente raggiungibile via traghetto, dove si sta per istituire una riserva naturale per l’avifauna marina.  A Benidorm non mancano le tipiche fiestas spagnole, conosciute per durare molti giorni; le più celebrate sono quelle in onore della vergine del Suffragio e di San Giacomo, nei mesi invernali. Altrettanto popolare è la fiesta de Las Fallas in giugno, eredità della vicina Valencia.

L’economia di Benidorm è basata essenzialmente sull’attività terziaria, risorsa principale della zona. Infatti la costa Blanca, colosso del turismo balneare europeo, si dota di anno in anno di nuove attrazioni, che vanno dalle megadiscoteche di Benidorm ai parchi acquatici, dai campi da golf ai centri sportivi e alle spiagge attrezzate per ogni tipo di svago. Un esempio è costituito dall’enorme parco acquatico di Terra Mìtica, nella periferia di Benidorm, che copre un’estensione di più di 1000 ettari. Esso è diviso in aree a tema, con ricostruzioni dei monumenti e delle opere più rappresentative di alcune delle più grandi civiltà che hanno abitato in passato le sponde del Mediterraneo; non mancano le classiche attrattive dei parchi di divertimento, oltre che ristoranti e bar a tema. Tutto ciò contribuisce al sempre più crescente turismo di massa che si verifica in questa affascinante zona della Spagna.

Galleria